venerdì 12 dicembre 2014

Santa Lucia...

Questa sera in molte località italiane è una serata speciale
E' la vigilia di Santa Lucia, che fa le veci di Babbo Natale. 
Al nord Italia: in Trentino, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Emilia e Veneto, i bambini le scrivono una letterina, dicendo che sono stati buoni e si sono comportati bene per tutto l'anno, e chiedono in regalo dei doni. 
Preparano del cibo, latte, biscotti e fieno, sui davanzali delle finestre, per attirare la Santa e il suo asinello e poi vanno a letto perché se la Santa arriva e li trova alzati lancia loro della cenere.
In Svezia e in Danimarca è abitudine che la mattina del 13 dicembre la figlia primogenita si vesta con una tunica bianca e una sciarpa rossa in vita e, con il capo coronato da un intreccio di rami verde e sette candeline, porti caffè, latte e dolci ai famigliari ancora a letto, accompagnata dalle sorelle più piccolo vestite con tunica e cintura bianche.

La Storia di Santa Lucia
In alcune città d'Italia, é Santa Lucia che ogni anno porta i doni ai bambini. Si racconta che Lucia fosse una bella fanciulla siciliana, figlia di un ricco nobile di Siracusa e tutti la conoscevano per la sua dolcezza ed amorevolezza. A quel tempo in Sicilia imperversava il paganesimo e Lucia mostrando un certo interesse per il Vangelo, decise di convertirsi al cristianesimo. I suoi genitori avevano deciso di farla sposare, ma Lucia non ne volle sapere per ben due motivi; il futuro sposo non era cristiano e perché lei aveva deciso di dedicare la sua vita al Signore. Questa decisione, però non venne rispettata dai famigliari della ragazza ed iniziò per lei una vera e propria persecuzione, con l'intento di farle cambiare idea. Quando fu certo che Lucia per nessun motivo non si piegava al volere altrui, né rinnegava la propria fede, le vennero strappati gli occhi ed infine fu uccisa. Da allora Santa Lucia fu considerata la protettrice degli occhi e della vista, ed giorno del suo martirio, che cade il 13 dicembre, inizia il suo viaggio col suo affabile e fedele asinello portando i doni ai bambini buoni; perciò, bambini e bambine fate i bravi che le visite di Santa Lucia continueranno ogni anno.

Questa sera non dimenticatevi di preparare i biscotti e un bicchiere di latte per Santa Lucia e il suo asinello...mentre io torno un po' bambina e mi scaldo il cuore al pensiero di me e i miei fratelli che aspettavamo con tantissima ansia questa sera per lasciare le nostre letterine a Santa Lucia che le avrebbe custodite e portate direttamente a Babbo Natale...un grazie particolare alla Mamma che ci ha insegnato ad apprezzare questa ''festa''! 

Nicole

Nessun commento:

Posta un commento